Fare impresa è la nostra missione, farla bene significa farla insieme: clienti, collaboratori, azienda. Dal 1990, progetto dopo progetto, Comac è riuscita a imporsi nel mercato internazionale delle bevande, installando i propri impianti presso produttori di tutto il mondo. Ma questo è solo l’inizio.

canning-line-manufacturers

Per dare la spinta giusta alla tua attività, trovare il partner che capisca davvero le tue esigenze è fondamentale. Perché scegliere proprio Comac per la tua linea lattine?

La nostra esperienza sul mercato internazionale e le nostre collaborazioni con marchi importanti come Heineken, CocaCola, Carlsberg, SABMiller, Mahou San Miguel, Bavaria, Baltika (e molti altri ancora) non bastano a descrivere il contributo che possiamo dare alla tua attività.

Scopri i nostri punti di forza.

Comac è un produttore di linee lattine con testa e cuore

Ti diamo i mezzi più performanti, ma anche un fattore personale in più.

Comac progetta e realizza impianti di riempimento lattine rifiniti fin nei minimi particolari, assicurandosi che tutto corrisponda alle aspettative del cliente.

Quello che contraddistingue il nostro modo di fare, però, è il fattore umano: i professionisti di Comac investono molte energie per collaudare gli impianti e formare il tuo team per utilizzarli al meglio.

Anche la migliore delle macchine per lattine è inefficace se non ci sono persone in grado di governarla alla perfezione. Solo in questo modo potrai davvero migliorare la qualità della tua produzione.

Comac sta dalla parte delle persone

Siamo produttori di linee lattine che mettono al primo posto la serenità delle persone.

Sappiamo che avere a che fare con delle “fredde” macchine è una scocciatura, specialmente quando qualcosa non funziona come dovrebbe e la catena di produzione si interrompe.

E la scocciatura aumenta esponenzialmente, se chi potrebbe aiutarti a far ripartire la tua linea lattine sparisce dalla circolazione.

Comac c’è. Se ci chiami hai una risposta 24h su 24, se sei in difficoltà risolve ogni problema in un attimo. Questa è una solida certezza che da sempre fa dormire sonni tranquilli i nostri clienti.

Comac non spreca le cose preziose

Come produttori di linee lattine, non vogliamo che le tue creazioni si perdano durante il tragitto.

Nel corso degli anni, abbiamo sviluppato soluzioni che diminuiscono al massimo il versamento accidentale delle bevande durante la messa in lattina. Non una goccia si perderà lungo il percorso.

E visto che non amiamo gli sprechi, lavoriamo sodo per far sì che il tuo prodotto sia lo stesso da quando lo produci a quando lo bevi dalla lattina. Non dovrai mai avere la preoccupazione di dover scartare centinaia di lattine per via di una contaminazione avvenuta durante il confezionamento.

Comac può essere il tuo unico fornitore per ogni esigenza

Dal progetto all’installazione, la tua linea lattine la possiamo seguire noi.

Integrare alla perfezione una nuova linea lattine all’impianto, o crearne uno nuovo da zero, non è facile.

Spesso ci si rivolge a diversi partner per ogni componente della linea (uno per il confezionamento, uno per la pastorizzazione, uno per la pallettizzazione, e così via), con il risultato di avere una confusione generale e poca coordinazione.

Scegliere Comac, invece, significa poter contare su un unico referente per l’intero impianto, con un conseguente risparmio di tempo.

Comac ha un approccio ecosostenibile

Ci impegniamo al massimo per diminuire il nostro impatto sull’ambiente.

Proteggere l’ambiente è un’altra causa che ci sta molto a cuore, per questo motivo Comac ha adottato da diversi anni un modello interno di sviluppo sostenibile.

Negli anni sono stati apportati in azienda dei sostanziali cambiamenti di tipo ecologico: dalla raccolta differenziata dei rifiuti, alla realizzazione di un parco fotovoltaico da 250 kW di potenza, all’acquisto di automezzi a metano, fino ad arrivare all’uso di motoriduttori ad alta efficienza e all’utilizzo di gadgets in materiale riciclabile.

Conosciamoci meglio: richiedi un appuntamento con i nostri professionisti.

Per il confezionamento delle bevande in fusti, Comac progetta e realizza diversi tipi di impianti in base al tipo di produzione. Quale tipo di infustatrice è più adatta alla tua azienda? Basta sapere che “numeri” vuoi ottenere.

riempitrice-fusti-cover

Nel processo di selezione delle infustatrici perfette per la propria azienda, le variabili possono essere molteplici: la grandezza della propria azienda, il tipo di bevanda da infustare, il numero di addetti ai lavori disponibili, e altro ancora. La variabile che deve influenzare maggiormente la decisione, però, deve essere il numero di fusti all’ora che si desidera ottenere. Il resto può essere tranquillamente adattato in base alle proprie esigenze di produzione.

Comac progetta e realizza impianti semiautomatici e automatici per il processo e il confezionamento di bevande in fusti di qualsiasi formato. Gli impianti, studiati per il trattamento di fusti in acciaio inox, possono essere adattati anche per il trattamento di fusti one-way in plastica.

Ma quale tipo di impianto è più adatto alla tua realtà? Vediamoli insieme uno per uno.

Impianti con riempitrice fusti semiautomatica

Le riempitrici fusti più adatte per produzioni medio-piccole.

Nella foto: una componente della linea fusti 38 KPH.

Compatti, affidabili e personalizzabili, gli impianti per produzioni medio-piccole coprono un range che va dai 15 ai 40 fusti/ora.

Si tratta di soluzioni semiautomatiche, che lasciano quindi agli operatori le sole azioni di movimentazione dei fusti.

Un’unica struttura, interamente realizzata in acciaio inox, supporta i serbatoi delle soluzioni di lavaggio, le teste di trattamento, le pompe centrifughe, il quadro elettrico e tutte le tubazioni, rendendo l’impianto molto compatto (e quindi adatto anche per spazi ristretti).

Un impianto pensato per produzioni medio-piccole non è assolutamente meno performante rispetto a quello delle grandi aziende: sia la tecnologia che i componenti impiegati per realizzare questo tipo di macchinari sono gli stessi utilizzati negli impianti ad alta produttività.

 

Impianti con riempitrice fusti automatica

Le riempitrici fusti per produzioni medio-grandi.

Per produzioni che vanno da 40 a 250 fusti/ora

Nella foto: Lavatrice-riempitrice fusti per impianti da 60 KPH

Questi impianti sono studiati per eseguire automaticamente sia i cicli di lavaggio e di riempimento che le operazioni di movimentazione dei fusti.

La tipologia e il numero di macchine che compongono gli impianti variano in base alle esigenze produttive dei clienti ed alla complessità dell’impianto stesso e comprendono le funzioni di controllo dei fusti o di trattamento degli stessi.

Anche in questo caso, la tecnologia e i componenti impiegati per realizzare questo tipo di impianti sono gli stessi utilizzati nei macchinari ad alta produttività.

Per produzioni oltre i 250 fusti/ora

Nella foto: Linea automatica HS6T high-speed.

Quando si tratta di produrre in grandi quantità, Comac offre le soluzioni più veloci e performanti del settore, con impianti di infustamento studiati per eseguire automaticamente tutte le operazioni necessarie.

Le macchine disponibili nella nostra gamma permettono di coprire un range che spazia da 250 fusti/ora fino a oltre 1000 fusti/ora.

La qualità degli impianti per fusti Comac

Perché scegliere le nostre infustatrici.

Perché scegliere Comac per aggiungere una o più infustatrici al tuo impianto? Partiamo dalle basi: usiamo un acciaio ottimo per creare le nostre macchine e manteniamo alti standard di qualità.

Quello che fa davvero la differenza, però, è che ti offriamo un’ottima lavorazione, alta efficienza nel tuo impianto e una produzione ininterrotta.

La ciliegina sulla torta? Consegniamo i nostri impianti versatili e personalizzabili in tempi brevi, al massimo in 5 mesi (per le infustatrici dedicate alle produzioni medio-piccole anche sole 3 settimane).

 

Hai un progetto e vuoi partire con la tua piccola produzione? Comac ti aiuta con il noleggio a lungo termine (long rent)

Ti aiutiamo ad ottenere una o più infustatrici.

Comac ha a cuore la passione che gli imprenditori mettono nelle proprie creazioni, soprattutto quando si tratta di attività nascenti. Per questo abbiamo pensato di introdurre la formula long rent per le nostre infustatrici dedicate alle produzioni medio-piccole.

Con questa soluzione potrai avere un’ottima infustatrice, i ricambi e assistenza 24h su 24. Se il tuo business dovesse avere qualche difficoltà, potrai restituirla senza alcun problema.

 

Raccontaci il tuo progetto, Comac ti aiuterà a realizzarlo al meglio.

Molte grandi industrie nel campo della birra hanno scelto di confezionare i loro prodotti in lattine, talvolta in parallelo all’uso di bottiglie. Ma conviene davvero investire su delle macchine per lattine per il proprio birrificio? Senza girarci troppo intorno: la risposta è sì, per diversi motivi.

Il pregiudizio che la birra in lattina sia di minore qualità è ormai superato, specialmente se ci si affida a impianti di confezionamento tecnologicamente avanzati come quelli di oggi.

Ma è davvero una mossa furba optare per il confezionamento in lattina, anziché puntare tutto su fusti e bottiglie? Scopriamone insieme i principali vantaggi.

I vantaggi del confezionamento in lattina

Le lattine colpiscono i target dei single e dei giovani

Scegli un sistema di inlattinamento birre se vuoi ampliare la tua clientela e arrivare a nuove fette di pubblico.

Le birre in lattina sono da sempre percepite come più smart e easy, e negli ultimi anni hanno conquistato sempre più giovani produttori e consumatori di birre artigianali.

Effettivamente c’è da dire che le lattine sono una vera comodità. Pensa anche solo al fatto di non dover avere sempre a portata di mano l’apribottiglie (che inevitabilmente viene dimenticato ad ogni grigliata o ritrovo tra amici).

E poi è la dose perfetta per una bevuta in solitudine senza strafare. In fondo perché privarsi del piacere della birra se non si è in compagnia? Basta un “clack” e…alla salute!

Trasportabilità e stoccaggio facile

Scegli un sistema di inlattinamento birre se vuoi rendere più snella la gestione del tuo magazzino.

Pensa alla forma della lattina e confrontala con quella della bottiglia: capirai che un cilindro in alluminio è facilmente incastrabile e impilabile in una scatola rispetto alle bottiglie di vetro. Il risultato? Puoi stoccarne di più in magazzino e facilitarti notevolmente la vita.

Le lattine, inoltre, sono anche più leggere da trasportare e sono più resistenti agli urti rispetto al vetro: con un rischio di rottura ridotto si lavorerà più a cuor leggero.

Raffreddamento più veloce della birra

Scegli un sistema di inlattinamento birre se vuoi che i tuoi clienti gustino le tue creazioni alla giusta temperatura, senza aspettare troppo.

In confronto al vetro, l’alluminio è più sottile ed è un migliore conduttore di calore. In altre parole, birra più fresca, più in fretta.

I tuoi clienti non dovranno più incastrare le bottiglie in freezer per abbassare velocemente la temperatura e godersi una birra fresca in tempi ragionevoli.

Infiltrazioni di ossigeno praticamente annullate

Scegli un sistema di inlattinamento birre se vuoi mantenere intatta al 100% la qualità dei tuoi prodotti.

Uno dei principali ostacoli che si mettono tra la tua birra e il consumatore finale è sicuramente l’aria. Più aria viene a contatto con la birra, più alta è la possibilità che le sue qualità vengano intaccate. Un po’ come quando metti del cibo nel frigorifero: meglio metterlo in un contenitore ermetico, piuttosto che lasciarlo in un piatto senza copertura.

Con la birra il discorso è più o meno lo stesso: con il tappo a corona delle bottiglie un minimo di infiltrazione potrebbe esserci, cosa che invece con le lattine è decisamente meno frequente. Scegliere di imbottigliare la tua birra in lattina, quindi, sarà un vero gesto d’amore nei confronti della tua creazione.

Le lattine in alluminio sono più economiche

Scegli un sistema di inlattinamento birre se vuoi avere più margine.

A livello di costo della materia prima, sicuramente l’alluminio vince sul vetro. In grandi quantità è più facile, quindi, avere più margine di guadagno sulla produzione.

Avrai a tua disposizione più budget per nuove attività promozionali o per un miglioramento della linea di confezionamento.

Minor impatto ambientale

Scegli un sistema di inlattinamento birre se cerchi un materiale facilmente riciclabile.

Questo è un aspetto che ci sta molto a cuore. Rendere più leggero il proprio impatto sul pianeta deve essere una prerogativa di ognuno di noi, aziende incluse.

Questo è un miglioramento che influirà positivamente sull’impronta ecologica del tuo birrificio. Le lattine di birra, infatti, sono riciclabili al 100%.

Conclusione: scegli un sistema di inlattinamento che migliori la tua attività

Se prima avevi qualche dubbio sull’inserire una macchina per lattine nella tua linea di confezionamento, ora dovresti averne qualcuno di meno.

Non ti resta che scegliere il partner ideale con cui fare questo “upgrade”. Non scegliere a caso, affidati a dei fornitori che sappiano bene come trattare il tuo prodotto e che possano accogliere ogni tua richiesta.

Comac progetta e realizza impianti per microbirrifici e craft breweries, sistemi per aziende di medie dimensioni o interi impianti di confezionamento per grandi realtà.

 

Affidati a Comac per contare su qualità e sicurezza.

Per “pastorizzazione” si intende il processo termico (combinazione di temperatura e tempo) attraverso il quale rendere inattivi i microrganismi potenzialmente patogeni contenuti nel prodotto ed aumentare quindi in tutta sicurezza la shelf-life del prodotto stesso.

Per “pastorizzazione” si intende il processo termico (combinazione di temperatura e tempo) attraverso il quale rendere inattivi i microrganismi potenzialmente patogeni contenuti nel prodotto ed aumentare quindi in tutta sicurezza la shelf-life del prodotto stesso.

Mentre le birre artigianali, che per loro natura hanno una distribuzione territoriale limitata e quindi tempi più brevi di fruizione del prodotto, in genere non richiedono la pastorizzazione, mantenendo il prodotto “vivo”, le birre prodotte su larga scala sono quasi sempre soggette a trattamento termico, che deve comunque essere il meno invasivo possibile, per salvaguardarne le caratteristiche organolettiche e nutrizionali.

La pastorizzazione flash pastorizza il prodotto che successivamente verrà confezionato in bottiglie di vetro, oppure pet oppure lattine oppure kegs per la distribuzione della birra alla spina. Il prodotto viene mantenuto per un tempo molto limitato ( tipicamente 20 sec) ad una temperatura di 71/72°C. Entrambi i parametri sono regolabili per raggiungere le unità di pastorizzazione richieste.

Uno scambiatore a piastre a 3 stadi provvede al riscaldamento ed al successivo raffreddamento del prodotto: il primo riscaldamento avviene prelevando calore dalla birra già pastorizzata, cui segue il riscaldamento fino alla temperatura di pastorizzazione impostata, la sosta termica, un primo raffreddamento (appunto in scambio termico con la birra non ancora pastorizzata) ed un raffreddamento finale.

Questo ciclo consente un recupero termico fino al 95%.

Il prodotto pastorizzato e raffreddato viene inviato ad un serbatoio di stoccaggio pressurizzato e da questo alla unità di riempimento.

La pastorizzazione in tunnel viene utilizzata sul prodotto precedentemente confezionato in bottiglie di vetro o lattine, quindi l’azione termica si applica anche al contenitore, al tappo o coperchio, ai gas contenuti nello spazio di testa.

La temperatura di pastorizzazione viene mantenuta intorno ai 62°C ed il tempo di ciclo intorno agli 8 minuti.

La temperatura del contenitore viene innalzata gradualmente con docce di acqua a temperatura crescente, mantenuta per il tempo previsto alla temperatura di pastorizzazione e poi gradualmente abbassata con docce di acqua a temperatura decrescente.

I bagni incrociati consentono di limitare il consumo energetico (l’acqua riscaldata dalle bottiglie in fase di raffreddamento viene usata per scaldare le bottiglie e viceversa).

COMAC produce flash pastorizzatori di capacità fino a 50.000 lph e pastorizzatori a tunnel a singolo o doppio piano in funzione della produzione oraria e del diametro del contenitore.

Vantiamo numerose installazioni in tutto il mondo.

Volete saperne di più? Contattateci, siamo a vostra disposizione per fornirvi ulteriori informazioni.

Comac: Dalla grande linea all’impianto su misura, sempre focalizzati sulle esigenze del cliente

L’articolo di Aldo Biraghi pubblicato su eplan.it rivela i vantaggi del software di progettazione per impianti automatici di imbottigliamento utilizzato da Comac e ne approfondisce i pregi con Luca Cattaneo, il nostro Coordinatore dell’Ufficio Progettazione.

scarica il pdf