Dal risciacquo alla tappatura

Gli impianti di imbottigliamento includono una serie di macchinari progettati per il riempimento di bottiglie nelle attività o industrie dedicate alle bevande. Non importa quali siano le dimensioni del tuo business: il processo di imbottigliamento richiede sempre alcuni passi necessari, ciascuno dei quali operato da una specifica macchina.

 

1- Sistemi per il risciacquo

Quando si tratta di bottiglie di vetro a perdere, il primo macchinario che compone un monoblocco di imbottigliamento è la stazione per il risciacquo interno, necessario per svolgere la pulizia interna preliminare delle bottiglie prima del processo di riempimento. Questo macchinario è solitamente equipaggiato con un numero variabile di pinze – a seconda della capacità oraria che deve raggiungere – idonee alla presa per il collo delle bottiglie che vengono così rovesciate e posizionate su una serie di ugelli che spruzzano il liquido di risciacquo. Il risciacquo può essere a trattamento semplice (con acqua sterile) oppure a doppio trattamento (acqua + aria, oppure soluzione disinfettante + acqua).

 

2- Sistemi per il riempimento

La riempitrice rappresenta il cuore degli impianti per imbottigliamento. Attraverso un nastro trasportatore, le bottiglie vengono portate sotto le valvole per il riempimento, che aprendosi lasciano fluire il prodotto all’interno della bottiglia; talvolta, soprattutto nell’imbottigliamento della birra, a valle della sezione di riempimento è installato un dispositivo di schiumatura per ridurre la quantità di aria (e quindi ossigeno) nella bottiglia prima della tappatura. Un getto di acqua calda ad alta pressione viene iniettato nella bottiglia provocando la formazione di schiuma nella bottiglia che, tracimando, elimina l’aria contenuta nello spazio di testa della bottiglia stessa.

I migliori sistemi per il riempimento sono dotati anche di un dispositivo che impedisce alle valvole di lavorare nel caso in cui non ci sia una bottiglia al di sotto di esse.

 

3- Sistemi per la tappatura

Il sistema di tappatura è l’ultima stazione che completa un monoblocco di imbottigliamento. Dopo il riempimento, le bottiglie vengono trasportate fino a quest’ultima macchina, che applica un tappo a ciascuna di esse, rendendo il prodotto pronto per essere immagazzinato o trasportato altrove.

 

4- Macchinari addizionali

Gli impianti di imbottigliamento possono includere alcuni macchinari addizionali, nel caso in cui le bevande che devi imbottigliare debbano subire particolari processi. Per esempio, per ottenere acqua o bevande gasate, avrai bisogno di un’unità di saturazione o di un’unità premix; se devi pastorizzare i prodotti imbottigliati, la scelta ricadrà su un pastorizzatore a tunnel. Esistono inoltre molte altre macchine che svolgono funzioni specifiche nel processo di confezionamento delle bevande, a seconda dei bisogni della propria industria.

 

Comac può vantare trent’anni di esperienza nella produzione di impianti di imbottigliamento per qualunque capacità produttiva, completamente automatici e disponibili con un elevato livello di personalizzazione. Tutti i macchinari Comac sono realizzati in acciaio inox AISI 304, una delle leghe più resistenti e igieniche tra quelle impiegate nelle attività industriali. Sia nel caso di piccoli business sia di grandi industrie, Comac è pronta a soddisfare le tue esigenze e fornirti i migliori impianti per l’imbottigliamento.

 

 

Contattaci per scoprire di più sui macchinari e sugli impianti per imbottigliamento Comac!