Grande risultato per Comac alla terza edizione del Welfare Index PMI: la nostra azienda si è aggiudicata il primo posto nel settore Industria, classificandosi tra le 38 aziende con il miglior rating possibile per le politiche di Welfare aziendale (5W).

Grande risultato per Comac alla terza edizione del Welfare Index PMI: la nostra azienda si è aggiudicata il primo posto nel settore Industria, classificandosi tra le 38 aziende con il miglior rating possibile per le politiche di Welfare aziendale (5W).

Lunedì 11 aprile, al Salone delle Fontane dell’EUR a Roma, si è svolta la presentazione del Rapporto 2018 – Welfare Index 2018, promosso da Generali Italia con la partecipazione delle maggiori confederazioni italiane (Confindustria, Confagricoltura, Confartigianato e Confprofessioni), che ha coinvolto ben 4.014 piccole e medie imprese in tutta Italia e la premiazione dei vincitori.

Comac, in particolare, è stata premiata per “Operazione salvatempo”, descritta così nella motivazione del premio:

Specializzata in impianti di imbottigliamento e infustamento, Comac ha studiato una vasta gamma di iniziative salva tempo per consentire ai dipendenti di ottimizzare il tempo a loro disposizione, dal servizio lavanderia fino alla pausa sportiva. Grande attenzione anche alla crescita professionale con un’offerta formativa di alto livello.

A ritirare il premio, alla presenza di prestigiosi ospiti tra cui il ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, c’erano Giorgio Donadoni (socio fondatore con delega all’Organizzazione aziendale) e Giuliana Rossini, responsabile HR e impegnata in prima persona nell’ideazione e attuazione del welfare Comac.

“Il tempo è la risorsa più preziosa” ha detto Giorgio Donadoni sul palco, “per questo abbiamo pensato a una serie di misure che lo fanno risparmiare a chi lavora con noi: per esempio il servizio tintoria, ritiro della spesa in azienda, palestra, pausa sportiva… e prossimamente anche il maggiordomo aziendale per sbrigare piccole incombenze”.

In questo modo il collaboratore può usare il proprio tempo, fuori dal lavoro, per seguire le proprie passioni e le priorità personali: una serenità che si riflette anche nel basso livello di turnover aziendale, in un buon clima e dunque anche una maggior produttività.

La giuria ha molto apprezzato anche l’importanza che Comac dà alla formazione: il progetto Comac Academy comprende corsi trasversali (per esempio di inglese) e tecnici.

La vittoria al Welfare Index, soprattutto, ci rende orgogliosi e consapevoli di aver preso la strada giusta, mettendo il capitale umano al centro della visione d’impresa.

Condividere la gioia con tutti voi è un piacere!

Ufficio Comunicazione, Web e Relazioni Esterne Comac