Comac Group - Kegging & bottling plants

Impianti automatici da 4000 fino a 12000 BPH PET / vetro

Impianti automatici per il processo e il confezionamento di bevande in bottiglia di qualsiasi formato sia in vetro che in PET. La gamma di macchine disponibili permette di coprire le esigenze produttive entro un assortimento che spazia da 4000 bottiglie/ora fino a 12000 bottiglie/ora.

Questi impianti sono studiati per eseguire automaticamente i cicli di risciacquo, riempimento e tappatura delle bottiglie e possono essere completati con sistemi di trasporto e macchine accessorie assecondando le specifiche richieste dei clienti e rispettando gli spazi disponibili nei locali di installazione.

 

Sia la tecnologia che i componenti impiegati per realizzare questo tipo di impianti sono gli stessi utilizzati negli impianti ad alta produttività.

 

Un pannello operatore permette di controllare tutti i parametri di funzionamento degli impianti.

 

Su richiesta è possibile realizzare sistemi ibridi che permettono, con un unico impianto, la lavorazione sia di bottiglie in vetro che in PET. 

Galleria Fotografica

Video
  • Condividi
    Riempitrice bottiglie mod. 40-8 (Federazione Russa) - 9.000 bottiglie/ora
  • Condividi
    Riempitrice elettronica per bottiglie mod. 30-50-8 (Algeria) - 8.000 bottiglie/ora
Condividi questo video

Triblocchi per produzioni da 4000 fino a 12000 bottiglie / ora

Macchine automatiche per il risciacquo, il riempimento e la chiusura di bottiglie in vetro o in PET, disponibili in vari modelli in base alla produttività oraria richiesta dai clienti. Tutte le macchine sono dotate di un sistema di risciacquo con pinze meccaniche, uno di riempimento con valvole isobariche ed uno di tappatura, installati su un’unica struttura di supporto dotata di protezioni perimetrali in acciaio inox.

  • Compatte
    Versatili e semplici da utilizzare.
  • Altamente affidabili
    Perché costruite con sistemi tecnologicamente avanzati e componenti di ultima generazione.
  • Personalizzabili 
    Secondo le necessità dei clienti per consentire la lavorazione di qualsiasi tipo di bottiglia.
Condividi sui socials

Ultime news dal Blog

birrifici artigianali
29 agosto 2016

Birra artigianale: un settore sempre più in crescita

Artigianale è bello, anche e soprattutto nel mondo della birra. Comac lo sa bene visto che dal 2011, attraverso il progetto 4SizeS, rivolge un’attenzione speciale alle esigenze dei birrifici artigianali in materia di infustamento e imbottigliamento.
continua
Amsterdam 2
02 agosto 2016

La “Birra del paradiso” che nasce dalla pioggia olandese

Il rapporto tra l’Olanda (o meglio, i Paesi Bassi) e l’acqua è strettissimo da sempre: una scelta obbligata in un Paese in cui il 20% del territorio, come suggerisce il nome, si trova sotto il livello del mare
continua

Triblocchi per produzioni da 4000 fino a 12000 bottiglie / ora

Macchine automatiche per il risciacquo, il riempimento e la chiusura di bottiglie in vetro o in PET, disponibili in vari modelli in base alla produttività oraria richiesta dai clienti. Tutte le macchine sono dotate di un sistema di risciacquo con pinze meccaniche, uno di riempimento con valvole isobariche ed uno di tappatura, installati su un’unica struttura di supporto dotata di protezioni perimetrali in acciaio inox.

  • Compatte
    Versatili e semplici da utilizzare.
  • Altamente affidabili
    Perché costruite con sistemi tecnologicamente avanzati e componenti di ultima generazione.
  • Personalizzabili 
    Secondo le necessità dei clienti per consentire la lavorazione di qualsiasi tipo di bottiglia.

Ultime news dal Blog

29 agosto 2016

Birra artigianale: un settore sempre più in crescita

birrifici artigianali Artigianale è bello, anche e soprattutto nel mondo della birra. Comac lo sa bene visto che dal 2011, attraverso il progetto 4SizeS, rivolge un’attenzione speciale alle esigenze dei birrifici artigianali in materia di infustamento e imbottigliamento. continua
2 agosto 2016

La “Birra del paradiso” che nasce dalla pioggia olandese

Amsterdam 2 Il rapporto tra l’Olanda (o meglio, i Paesi Bassi) e l’acqua è strettissimo da sempre: una scelta obbligata in un Paese in cui il 20% del territorio, come suggerisce il nome, si trova sotto il livello del mare continua